Servizio al pubblico - robertaloporto
16630
post-template-default,single,single-post,postid-16630,single-format-video,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-9.4.2,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive

Servizio al pubblico

Sperimentazione di design “urbano”.
L’ultimo progetto video che ho realizzato in collaborazione con Ied Roma

Servizio al pubblico è un esperimento di progettazione non mediata, che realizza
cose offerte direttamente al pubblico da parte di designer che le hanno ideate per
migliorare la fruizione di alcuni spazi pubblici spesso degradati.
Il progetto risponde al tema del futuro del design delledizione 2009 di
Pubblicamente non più con una riflessione proiettata nella dimensione fantascientifica
o con una progettazione ex-novo del luogo pubblico, ma attraverso un dialogo tra gli
oggetti e la situazione preesistente in cui progettisti e fruitori sono gli attori principali.
Lipotesi di Servizio al pubblico è quella di ripensare la rivoluzione dello spazio
esistente condotta a partire dalle piccole cose di tutti i giorni. Il futuro del design è
quello di utilizzare loggetto come veicolo per migliorare la vivibilità degli spazi, la
quotidianità delle azioni, anche denunciando con svelata ironia lassuefazione alle
coazioni comportamentali quotidiane e gli abusi estetico-ambientali ai quali la
dimensione pubblica sottopone gli utenti dei servizi urbani.
Levento prevede che per un giorno alcuni luoghi pubblici (bagni delle stazioni
metropolitane, mezzi di trasporto quali autobus e metropolitane, parchi pubblici, strade)
vengano rivisitati attraverso 5 proposte per divenire spazi più civili e frequentabili
attraverso oggetti di conforto funzionale e psicologico, performances, situazioni
artistiche.
Lintenzione è quella di dimostrare la differenza tra un servizio pubblico progettato
– e quindi più umano – e quello di fronte al quale siamo tristemente rassegnati come
utenti o critici spesso impotenti come esperti di settore.

Ente produttore dell’evento: IED Roma
Ideazione: Domitilla Dardi
Cura e coordinazione: Domitilla Dardi e Patrizia Di Costanzo
Direttore artistico e supervisione progettuale: Paolo Ulian
Prototipo: Modo – sistemi innovativi di arredo urbano

Produzione, riprese e montaggio video: Roberta Lo Porto

Tags: